Info pratiche prelievi

Info pratiche prelievi

 

Informazioni pratiche

Sangue​

Urine

Tampone

 

Per le analisi del sangue o delle urine valgono in generale le seguenti indicazioni:
  • Presentarsi a digiuno presso lo studio medico o il laboratorio analisi; ciò significa non aver consumato cibi né bevande zuccherine o grasse (ad esempio latte o caffè) nelle ultime 8-12 ore;
  •  
  • Sottoporsi al prelievo di sangue possibilmente al mattino presto (tra le 7 e le 9 circa), perché la maggior parte dei valori di riferimento si riferisce a prelievi effettuati al mattino a stomaco vuoto; determinati ormoni e altri valori mostrano fluttuazioni notevoli nell’arco della giornata, pertanto è particolarmente importante che l’ora del prelievo sia appropriata; nel caso in cui il prelievo non possa essere effettuato al mattino, è necessario riportarlo sul modulo di richiesta, in modo che il laboratorio ne tenga conto nell’interpretazione del risultato;
  •  
  • Prima del prelievo evitare situazioni di stress, ad esempio non correre per raggiungere il laboratorio o lo studio del medico, né sottoporsi al prelievo poco dopo aver tenuto comportamenti inadatti, perché ciò potrebbe falsare alcuni valori, come gli ormoni dello stress (il nome la dice lunga!), ma anche altri parametri;
  •  
  • Prima del prelievo di sangue non svolgere attività fisica: l’attività muscolare può modificare i valori della creatininchinasi o di altri parametri, e lo sforzo può avere effetti a breve termine sull’emocromo, e in parte anche sui parametri urinari, ecc.;
  •  
  • Per determinate analisi osservare una dieta nei giorni che precedono il prelievo di sangue o la raccolta delle urine; ciò vale, ad esempio, per la determinazione dell’acido vanilmandelico, dell’adrenalina e della noradrenalina nel sangue o nell’urina (non consumare caffè, tè o alcolici, non fumare ed evitare situazioni di stress un paio d’ore prima del prelievo del campione), dell’acido ossalico nell’urina (non assumere vitamina C nelle 24 ore precedenti la raccolta), dell’acido idrossi-indolacetico nell’urina (evitare il consumo di banane, avocado, melanzane, pomodori, noci/nocciole nelle 48 ore precedenti la raccolta);
  •  
  • Per le analisi di controllo (ossia la determinazione degli stessi parametri da ripetere a intervalli periodici) sottoporsi al prelievo possibilmente sempre alla stessa ora e nelle stesse condizioni (ad esempio mettersi sempre in posizione sdraiata o seduta). Il cambiamento dell’ora del prelievo o della posizione del corpo in cui è effettuato possono influire sui valori, falsando di conseguenza l’interpretazione dei risultati;
  •  
  • Prima del prelievo di sangue non sottoporsi a taluni esami (ad esempio palpazione della mammella o della prostata, elettrocardiogramma (ECG) sotto sforzo, ago-aspirato, ecc.), perché possono alterare i parametri di laboratorio. Meglio rimandarli a dopo il prelievo.
Per il prelievo di feci o urina a casa è importante quanto segue:
  • Sapere esattamente come eseguire il prelievo: sono state ricevute le relative istruzioni? È chiaro quale contenitore sterile utilizzare per ciascun campione (ad esempio, la provetta per le feci con o senza additivi)? È chiaro se si deve aggiungere qualcosa, ed eventualmente che cosa, al campione di urina (ad esempio acido per abbassare il pH)? In caso di dubbi è bene rivolgersi al medico curante. 

 

 

Come trovarci